Newsletter

* indica che è necessario
  • La Tenuta di Terrabianca

In Chianti Classico,
Radda in Chianti

Tenuta di
Terrabianca

I nostri vitigni, coltivati principalmente a Sangiovese, crescono su un suolo fresco, composto da galestro, argilla e sasso.  I boschi che circondano i terreni rendono il microclima adatto al mantenimento di una ricca biodiversità.

Qui, tra le dolci colline del Chianti Classico, produciamo vini dalle strutture articolate, eleganti e rappresentativi del terroir di appartenenza.

tenuta Terrabianca

In principio
era il Chianti
Classico

Nel cuore del Chianti Classico, tra le province di Siena e Firenze, nel borgo di San Fedele a Paterno nel Comune di Radda in Chianti sorge la più storica delle tre tenute Arillo: Terrabianca, il cui nome rende omaggio al caratteristico terreno a macchie biancastre, unicum nel panorama toscano. 

Le prime testimonianze della presenza della Fattoria Terrabianca come realtà rurale risalgono al Medioevo, sotto la proprietà del Vescovado di Siena e con la gestione del Contado fiorentino. Le prime vigne vengono piantate nei primi anni 50’ dello scorso secolo. La storia contemporanea di Terrabianca inizia nel 1988 con l’acquisizione della famiglia svizzera Guldener che riuscì a dare un carattere internazionale forte e riconoscibile all’azienda e ai suoi vini.

La tenuta, esposta a Sud in una conca naturale, sorge ai piedi del colle Nord di Vagliagli, snodandosi su un suolo fresco, composto da galestro, argilla e sasso e circondato da 121 ettari di bosco. Le vigne sono protette da un microclima unico fatto di luce, calore ed elevata escursione termica, grazie all’altitudine significativa tra i 350 e i 470 metri sul livello del mare. 

Tenuta Terrabianca

Il Terroir
e i vitigni

Estesi su 12,5 ettari i nostri vigneti sono coltivati principalmente a Sangiovese. Il terreno, in pendenza su quota medio alta, è ricco di roccia calcarea. Nella parte alta del vigneto il sasso è compatto e la produzione inferiore, con una forte concentrazione di profumi e sapori. La parte bassa invece presenta un’elevata dotazione di argilla, con una produzione maggiore e una vegetazione prolungata che conferisce maggiore struttura al vino.

I vigneti sono circondati da ampie superfici boschive che influiscono notevolmente sulle caratteristiche microclimatiche e sul mantenimento di una biodiversità fondamentale per la qualità dei nostri vini.