Subscribe

* indica che è necessario
  • La Tenuta il Tesoro

In Maremma,
Massa marittima

Tenuta
il Tesoro

Accarezzato dalle brezze del mare e da temperature mediterranee, Il Tesoro si inserisce in una cornice straordinaria fatta di natura, borghi storici e giacimenti minerari. Un contesto ricco, affascinante, prezioso. Grazie al microclima favorevole e ai terreni fertili, Il Tesoro è l’habitat perfetto per la crescita di olivi e di viti che curiamo con passione secondo i principi dell’agricoltura naturale.

Tenuta il Tesoro

Un gioiello 
dell’Alta
Maremma

A metà strada tra la terra e il mare sorge ‘Il Tesoro’. La tenuta, a pochi chilometri dalla roccaforte medievale di Massa Marittima, si trova nel cuore dell’Alta Maremma e del Geoparco delle Colline Metallifere. Qui mare, aree umide, boschi, giacimenti minerari e piccoli borghi si alternano, formando un ambiente peculiare, dove il contesto naturale si fonde con la storia degli uomini che l’hanno attraversato.

Inserita in un suggestivo scenario collinare, esposto alle brezze del mare e cullato dalle temperature mediterranee, tipiche dell’Alta Maremma Il Tesoro rappresenta l’anima avanguardistica del progetto Arillo in Terrabianca, che punta sulla viticoltura naturale e sulla riscoperta dei terreni e di prodotti agricoli.

Tenuta Il Tesoro

Il Terroir
e i vitigni

Il Tesoro ha una maglia agraria eterogenea, che alterna filari di vigne a olivi secolari. La tenuta, estesa su una superficie di circa 115 ettari con un’altitudine che arriva fino ai 140 metri sul livello del mare, è caratterizzata da diverse tipologie di terreno (sasso e argilla) ricche di minerali come ferro e magnesio. I 36 ettari di vigneti si estendono su diverse altezze con esposizione prevalentemente a Sud, godono di condizioni climatiche particolari – vicinanza al mare, costante ventilazione, forti escursioni termiche – che consentono la coltura di uve sane, profumate e dalla lenta maturazione. 

Oggi a Il Tesoro insieme alle uve di Sangiovese trovano terreno fertile i vitigni internazionali (Merlot e Cabernet Sauvignon) e i più recenti impianti di varietà a bacca bianca, tra i quali Chardonnay, Viognier e Vermentino.